Il blog dei miei viaggi

Idee e guide di viaggi per turisti fai da te

Le foto di Roma/2


IMG_2690
La Fontana di Trevi
Monumento celebre in tutto il mondo, simbolo universalmente noto di Roma e dell’Italia intera. E’ entrata nell’immaginario collettivo per la celebre scena del film “La Dolce vita” con Anita Ekberg e Marcello Mastroianni, ma anche per quella, molto divertente, del film “Tototruffa ’62” in cui Totò, presentatosi come il proprietario Antonio Trevi, vende la fontana a un ingenuo turista, e con essa i diritti d’autore sulle fotografie scattate. E’ tradizione lanciare una moneta nella vasca, voltando le spalle alla fontana, un rito che dovrebbe propiziare un ritorno nella città.
IMG_2698
Il Pantheon
E’ probabilmente l’edificio meglio conservato tra quelli dell’antica Roma. Eretto attorno all’anno 120 d.C., nasce come tempio dedicato a tutte le divinità. Presenta una facciata con 8 colonne sormontate da un timpano triangolare, con uno stile che ha enormemente influenzato l’arte nei secoli successivi (basti pensare alla “Rotonda” del Palladio a Vicenza e a tutta l’architettura neoclassica). Nella parte superiore, una enorme cupola circolare con una grande apertura, anch’essa circolare, detta oculo. Dal VII secolo è Basilica cristiana intitolata a Santa Maria della Rotonda e ospita le spoglie di importanti personaggi storici (tra gli altri, Raffaello Sanzio,  i re Umberto I e Vittorio Emanuele II, Annibale Carracci).
Roma 014
Campo  de’ Fiori
Non lontano da Piazza Navona,  si apre questa caratteristica piazza, cuore pulsante della capitale. La mattina è occupata da un vivace mercato, la sera è molto frequentata da giovani, soprattutto per la presenza di numerosi locali e pub. In passato la piazza era sede di esecuzioni pubbliche. Tra queste, quella del filosofo Giordano Bruno, nel 1600, ricordata dalla statua posta al centro della piazza. Nella piazza accanto, a pochi metri, Piazza Farnese con l’omonimo, splendido, palazzo, sede dell’Ambasciata di Francia. Tra le grandi piazze romane, è l’unica su cui non sia affaccia alcuna chiesa.
IMG_2704
Le Statue parlanti
Nei pressi di Piazza Navona vi è questa singolare piazza dedicata a “Pasquino”, la più nota delle sei cosiddette “Statue parlanti”, dislocate qua e là nella Capitale. Il nome della piazza deriva dalla statua, risalente al III sec. a.C. E’ tradizione ancora oggi per i romani affiggere nei pressi della statua dei biglietti anonimi (le “pasquinate”) con motti arguti e messaggi con i quali si ironizza su personaggi famosi, soprattutto politici. Una statua simile è presente in Via del Babuino (raffigurata nel tondo della foto).
IMG_2703
Piazza Navona
Un tempo Stadio di Domiziano capace di ospitare più di trentamila spettatori, oggi è tra le più celebri e frequentate piazze di Roma. Simbolo della Roma barocca, con elementi architettonici e scultorei di Gian Lorenzo Bernini, architetto che, con Borromini, ha influenzato notevolmente lo stile della città. Tra le opere scultoree del Bernini, al centro della piazza, la Fontana dei quattro fiumi, raffiguranti il Danubio, il Gange, il Nilo e il Rio della Plata. La sera la piazza è occupata da artisti di strada e pittori che vendono le proprie opere e che ritraggono i turisti con disegni e caricature.
IMG_2735
Piazza di Spagna
Un’altra celebre piazza romana, dalla quale dipartono la Scalinata di Trinità dei Monti, la lussuosa Via Condotti e la caratteristica Via del Babuino, sede di numerosi negozi di antiquariato. Il nome della Piazza è dovuto alla presenza della Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede. Nella piazza vi è la Statua dedicata a Maria Vergine, che tutti gli anni, l’8 di dicembre, è omaggiata dal Papa con una corona di fiori.
Roma 001
Trinità dei Monti
Vero salotto della città, Trinità dei Monti è la scalinata che da Piazza di Spagna conduce alla omonima Chiesa, qui nella foto in fase di restauro. Nel mese di maggio la Scalinata è arricchita da fiori che rendono Piazza di Spagna una sorta di giardino colorato.
IMG_2734
Via dei Condotti
E’ la sede dello shopping di lusso della Capitale, con la presenza delle più importanti firme dell’alta moda e della gioielleria, tappa irrinunciabile per i turisti, specie stranieri, che qui vengono per accaparrarsi gli articoli più costosi e pregiati. In primo piano, nella foto, la fontana della Barcaccia, opera del Bernini, sita in Piazza di Spagna.
img_3431
La Galleria Doria Pamphilj
In Via del Corso, a un passo da Piazza Venezia, è possibile visitare questo splendido Museo, di proprietà della famiglia Pamphilj che tuttora vive e abita nel palazzo. E’ una grande collezione privata composta di quadri, sculture, arredi, in un’atmosfera di grande magnificenza, con una piena applicazione del concetto di horror vacui, cioè  di pareti completamente ricoperte di opere d’arte senza lasciare spazi vuoti significativi. Sono presenti capolavori assoluti. Quello forse più rappresentativo di tutta la collezione è il “ritratto di Innocenzo X” di Velazquez, un’opera che attrae e ipnotizza l’osservatore. Ma non si possono dimenticare il busto scultoreo di Innocenzo X di Bernini, il “busto di Olimpia“di Alessandro Algardi, la “Maddalena penitente” e il “Riposo durante la fuga in Egitto” di Caravaggio, il “Paesaggio con la fuga in Egitto” di Annibale Carracci.
Per il sito ufficiale della Galleria, clicca qui.

1   2   3   4   5  6

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: