IMG_4614
1. Madesimo

Madesimo è un piccolo paese della Val Chiavenna posto a 1.550 mt. s.l.m., in provincia di Sondrio, che conta poco più di 500 abitanti (foto 1). Presenta una curiosità del tutto peculiare: è infatti il Comune italiano più distante dal mare dal quale è separato da circa 300 km.

E’ una località che in estate presenta numerose occasioni per fare trekking di qualunque livello di difficoltà ma anche facili e rilassanti passeggiate rimanendo perfettamente immersi in una natura incontaminata.

Ovviamente non è possibile indicare qui tutte le escursioni possibili, però se avete pochi minuti di pazienza potrete farvi un’idea di quelle più belle e interessanti.

Il lago dello Spluga

Il Lago dello Spluga si trova a ridosso dell’omonimo passo che rappresenta il confine tra l’Italia e la Svizzera, a poco più di 10 km da Madesimo (max 20 minuti di auto). Il lago è particolarmente suggestivo e nelle sue acque si specchiano le montagne circostanti (foto 2).

Lago dello Spluga
2. Il Lago dello Spluga

Nei grandi pratoni che si trovano al di là della strada rispetto al lago, con un po’ di fortuna (io l’ho avuta…), è possibile scorgere (e fotografare) delle simpatiche marmotte che ben si mimetizzano tra le rocce (foto 3).

IMG_4791
3. Le marmotte…..

Percorrendo poche centinaia di metri a ritroso lungo la SS 36 si imbocca il sentiero a sinistra per addentrarsi sul percorso della passeggiata lungo il quale è facile incrociare mucche al pascolo, per la felicità dei bambini, ma anche dei grandi (foto 4).

IMG_4803
4. Mucche al pascolo

E’ un percorso in leggera pendenza, non particolarmente faticoso. In poco più di due ore si giunge al rifugio Bertacchi (foto 5) dove è possibile riposarsi e rifocillarsi.

IMG_4815
5. Rifugio Bertacchi

Dal rifugio, percorrendo un breve tratto in discesa, si giunge al piccolo lago Emet (foto 6), uno specchio di acqua cristallina. Togliersi le scarpe e bagnarsi i piedi nelle gelide acque del lago è una tentazione irresistibile!

IMG_4804
6. Lago Emet

Il percorso si conclude percorrendo a ritroso il percorso ritornando al lago dello Spluga (foto 7).

Il lago dello Spluga
7. Lago dello Spluga

In alternativa, se ci si è organizzati per tempo con i mezzi di trasporto, è possibile, dal Rifugio Bertacchi, proseguire il percorso rientrando a Madesimo attraverso un percorso abbastanzanza faticoso, anche se in discesa, della durata di almeno tre ore (foto 8).

IMG_4838
8. Rientro a Madesimo

Le cascate dell’Acquafraggia

Le cascate dell’Acquafraggia si trovano poco fuori Chiavenna, 45 minuti di auto da Madesimo, in località Piuro (foto 9). Dopo aver parcheggiato l’auto vi si giunge attraverso un breve e facile sentiero che si percorre in pochi minuti.

IMG_4938
9. Le Cascate dell’Acquafraggia

Il giro dei laghi

E’ possibile condurre una lunga escursione, tra le più belle di tutta la zona, per ammirare l’incredibile numero di laghi e laghetti di alta montagna, alcuni grandi, altri davvero minuscoli, ma sempre molto suggestivi.

L’inizio dell’escursione prevede la salita mediante la funivia del Lago Azzurro, in partenza dal centro di Madesimo, che conduce in pochi minuti a 1.800 metri di altezza dove è presente un bar-ristorante e un parco giochi (foto 10).

IMG_4843
10. Stazione a monte della funivia

Dalla stazione a monte si giunge al Lago Azzurro in pochi minuti di facile cammino (foto 11). E’ un lago di piccole dimensioni, circondato da abeti e larici, sempre molto affollato da famiglie con bambini, vista la relativa facilità nel raggiungerlo.

IMG_4847
11. Il Lago Azzurro

Poco lontano dal Lago Azzurro, seguendo una deviazione di poco più di mezz’ora di cammino in leggera pendenza su prati d’erba, si giunge alla statua della Madonna d’Europa (foto 12), realizzata tra il 1955 e il 1957 e placcata in oro.

IMG_4863
12 Statua della Madonna d’Europa

Superato il Lago Azzurro inizia la vera salita, davvero molto ripida. Il percorso è in forte salita ma non mancano tratti piani e un ultimo tratto in discesa fino al rifugio Chiavenna, a un’altezza di poco più di 2.500 metri. Nei pressi c’è anche il lago di Angeloga (foto 13).

IMG_4978
13. Lago Angeloga

Proseguendo, il sentiero si inerpica su un percorso in salita davvero ripido e faticoso. Lo sforzo però viene presto ripagato dalla bellezza delle acque cristalline del lago Nero (foto 14).

IMG_4995
14. Lago Nero

Incastonato tra le montagne, il lago si presenta nella sua splendida solitudine in un ambiente assolutamente silenzioso e incontaminato. E’ possibile imbattersi in gruppi di coraggiosi turisti che si tuffano nelle gelide acque del lago.

Lungo il percorso del ritorno il paesaggio diventa, se possibile, ancora più bello, dove si percorrono delle lunghe creste dalle quali è possibile ammirare i laghi da ogni angolazione possibile (foto 15).

IMG_5004
15. Laghetti di montagna

E’ un’escursione, quella dei laghetti, assolutamente fantastica, anche se molto faticosa: si tratta infatti di almeno 9 ore di escursione.

Prima di partire

Il sito di promozione turistica di Madesimo

Previsioni meteo

Dove dormire

Posso suggerire il Boscone Suite Hotel, una struttura nuova, anche se non centralissima, perfetto per famiglie con bambini e gruppi numerosi. E’ una struttura accogliente, in tipico stile alpino, con stanze comode e ben arredate. Dategli un’occhiata!

Annunci